Merate, tutta da scoprire

Merate, tutta da scoprire - Rivetta.it

Il nome Melate appare per la prima volta in un documento del 926 d.C.; etimologie un poco fantasiose ipotizzano una derivazione dal greco (nero, fosco) per la presenza di boschi, o da mela per i frutteti della zona.  In un diploma di Federico I, dato a Roncaglia nel 1158 si conferma al monastero di S. Dionigi di Milano la titolarità del castello di Merate.


All'inizio del XVI secolo i coniugi Riva fecero costruire un istituto scolastico, che fu poi gestito dai padri Somaschi. In questa scuola studiò, alla fine del XVIII secolo il giovane Alessandro Manzoni, ed alla sua morte l'istituto fu ribattezzato collegio Manzoni.

Dopo l'Unità d'Italia, Merate crebbe industrialmente con la creazione di banche e industrie edili. Alla fine del 1800 fu tra le prime città italiane ad avere impianti elettrici, il gas e l'acqua potabile. Il periodo fra le due guerre vide il notevole sviluppo dell'industria meccanica e tessile.

Nel 1926 venne costruito e inaugurato l'osservatorio astronomico, nello stesso anno il comune si ingrandì territorialmente, annettendosi alcuni comuni vicini. Nel secondo dopoguerra l'industria continua a crescere e la popolazione passa dai circa 9000 abitanti del 1951 ai 14000 odierni.

Dal 1991 ha il titolo di città.

Letture Ambrosiane

Letture Ambrosiane - Rivetta.it

Dove Siamo

Radio online

Radio Marconi 1 & 2

News

ANSA

Da Leggere

Internazionale

Social Network

Facebook

Sole o pioggia?

Il Meteo a Merate

Camminando

Passolento